Blog di Cultura Gastronomica

IMG_8034IMG_8034

Sole e Sale

Complice il ponte del primo maggio e la voglia di scoprire la nostra penisola, ci siamo concessi qualche giorno sotto il caldo sole della Sicilia.

Questa è una terra dai sapori autentici e dalle mille tentazioni culinarie, ma ciò di cui vogliamo parlarvi non è nè un piatto tipico, nè una ricetta, bensì un ingrediente. Sua Maestà il Sale di Trapani.

Il Sale Marino Integrale Artigianale di Trapani viene coltivato nella Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco e dello Stagnone di Marsala, un’oasi frequentata da aironi, fenicotteri ed altri uccelli che vivono negli ambienti umidi.

La salina è un luogo veramente suggestivo, fatto di colori che cambiano a seconda delle vari fasi produttive del sale, di forme caratteristiche di mulini a vento e piramidi di sale, di quella inconfondibile luce avvolgente dei tramonti.

Caratteristica del Sale di Trapani è la semplicità: gli elementi necessari per la produzione sono solo tre, e tutti di origine naturale. L’acqua di mare, il sole ed il vento.

Le denominazione “integrale” nasce per sottolineare che questo sale marino non ha subito alcun processo di raffinazione o lavaggi che ne alterino le proprietà, ad eccezione di una eventuale molitura.

La coltivazione (perchè di una coltivazione si tratta) avviene da marzo a settembre, dopo lunghi mesi di lavoro da parte della natura e dell’uomo. La raccolta viene effettuata a mano dal salinaro.

Il Sale Marino di Trapani è l’unico sale europeo che vanta l’IGP ed il Presidio Slow Food.

Seppur un prodotto umile, il Sale Marino di Trapani, vanta almeno 70 delle 84 sostanze che sono presenti nell’acqua di mare. Contiene più potassio, più magnesio e una quantità minore di cloruro di sodio ed ha un sapore intenso che consente di utilizzarne quantità inferiori, rispetto ad altri tipi di sali. Anche lo iodio «vivo» del sale integrale agisce favorevolmente sulla tiroide.

Come scegliere il Sale Integrale di Trapani?

L’errore più comune è quello di aspettarsi un sale grigio. Il sale marino si presenta in natura di un bianco candido, al massimo di un colore rosa molto chiaro. Se lo trovate grigiastro significa che contiene impurità, se al contrario si presenta trasparente è stato lavato. Pertanto il colore del sale integrale di Trapani è un bel bianco accecante.

Il sale integrale ha grande capacità igroscopica e pertanto risulta umido. A quello industriale, invece, vengono aggiunti antiagglomeranti chimici per prevenire l’effetto appiccicoso.

Nemmeno la “garanzia IGP Sale marino di Trapani” vi può aiutare nella scelta, poichè garantisce la provenienza del luogo, non il metodo di produzione.

Infine, acqusitatelo direttamente dai produttori, solo così vi avrete certezze circa l’origine e la produzione ed aiuterete a preservare questo magnifico ambiente.

Il Sale Marino di Trapani concorre alla lavorazione di moltissime specialità siciliane tra cui il Tonno Rosso di Favignana ed i suoi derivati. Secondo l’esperienza dei produttori questo sale dà risultati migliori in termini di conservazione e sapore.

Non vi resta che provarlo nelle vostre ricette!

IMG_8028

479

About an

The author didnt add any Information to his profile yet

Leave a Comment